Mammografia digitale 3D con tomosintesi

Da sempre attento alla ricerca e all'evoluzione della tecnologia il Centro di Radiodiagnostica è dotato di un mammografo tridimensionale diretto con tomosintesi.
La tomosintesi supera i limiti dell’attuale imaging mammografico: riduce al minimo la sovrapposizione della visualizzazione dei tessuti in maniera da non nascondere più nulla.

Patologie impercettibili, non rilevabili attraverso la convenzionale mammografia 2D, in cui spesso si individuano con difficoltà le patologie di interesse, vengono evidenziate con la tomosintesi che, attraverso la ricostruzione stratificata della mammella, consente la riduzione dei “falsi negativi” e l’individuazione esatta della lesione.
Durante l'acquisizione in tomosintesi, l'uso di una sorgente a raggi X consente infatti di visualizzare la mammella da diverse angolazioni, creando immagini in cui è possibile individuare con estrema precisione l'eventuale lesione, superando il limite della confusione del segnale dovuta alla sovrapposizione dei tessuti.
Si delineano così le coordinate esatte di eventuali lesioni o micro calcificazioni all'interno della mammella, con misurazioni mirate che facilitano l'azione successiva di eventuali interventi bioptici.

Il sistema viene integrato inoltre da un sofisticato software chiamato CAD che, grazie ad un insieme di algoritmi realizzati ad hoc per la Hologic, potenzia la mammografia 3D con tomosintesi, coadiuvando il radiologo nella refertazione: il CAD va a “guardare” dove fino ad ora non era possibile indagare. La macchina di ultima generazione della multinazionale americana, che ha ottenuto il prestigioso FDA, offre numerosi altri vantaggi:
la riduzione del trenta per cento della dose di radiazioni assorbite, l’aumento del 30 per cento della definizione e del dettaglio della risoluzione spaziale, l’esposizione velocissima e, dettaglio sicuramente non trascurabile per la paziente, l’esame è meno doloroso della mammografia convenzionale poiché è necessaria una minor compressione della mammella. Con la tomosintesi, infatti, la compressione è ridotta al minimo, quanto basta per stendere il tessuto: così la paziente prova meno dolore.

Sempre nell’ottica della prevenzione del cancro al seno (1 donna su 11 è destinata a sviluppare un tumore prima dei 74 anni) il Centro, fra le sue più moderne apparecchiature, fa uso di un ecografo di ultimissima generazione, dotato, fra l’altro, di un nuovo programma, l’elastosonografia, che si basa sulla misurazione della morbidezza o della rigidità dei tessuti mammari per il principio secondo cui più la lesione è rigida e dura e più è probabile che sia espressione di malignità.

  • MAMMOGRAFIA DIGITALE DIRETTA (MONO / BILATERALE)
  • MAMMOGRAFIA DIGITALE DIRETTA 3D CON TOMOSINTESI (MONO / BILATERALE)
Quesiti Anamnestici